Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Julitha Ryan ‘The winter journey’

(Atelier Sonique 2017)

Julitha Ryan, cantautrice australiana, pubblica il suo secondo lavoro a cinque anni dal primo.
Dopo aver frequentato molto da vicino Nick Cave & The Bad Seeds, oltre ad ex membri di quella splendida congrega: Hugo Race e Mick Harvey, la Ryan ha deciso di spiccare il volo da sola e l’esperienza accumulata l’ha ben capitalizzata in questi due dischi.
Per “The winter journey” si è fatta accompagnare da musicisti italiani, tra i quali Enrico Berton, batterista dei Guignol, oltre allo stesso Race.
Il suo approccio musicale è quello di un alt-pop coltissimo e che ha molto a che fare con post-punk, elettronica e folk. I brani li ha composti tutti al pianoforte, ma in studio di registrazione hanno subito una piacevole evoluzione, andando in direzione pop-electro-rock (Like a jail), o rendendo frizzati e ben scanditi i brani (Big brass bell).
In diverse occasioni la Ryan si gioca la carta dell’evocativa, rendendo particolarmente accattivanti i suoi brani (Memento, Something’s gotta give).
Un lavoro efficace e molto accattivante.

Aggiunto: March 1st 2017
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Julitha Ryan Facebook Page
Hits: 147
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest