Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Luciano Caruso / Ivan Pilat / Fred Casadei / Stefano Giust 'Apnea'

(Setola Di Maiale 2016)

Cinque saette di suono libero riprese dal vivo in quel della Cantina Cenci di Tarzo (Treviso) nel Gennaio del 2016.
Due sax (soprano e baritono, Caruso / Pilat), una sezione ritmica da sconquasso (Giust /batteria, Casadei /contrabbasso).
Esperienza, inventiva, eleganza ed urgenza.
Che s'apre con l'archetto di Casadei ad introdurre una carezzevole mareggiata di cruda spiritualitą free, con i due sax che s'aggrovigliano tra cenni afroamericani e poliritmi noir frenetici, poi rintocca un gong e gli spazi si ampliano.
Un'arcaica contemplazione di visi e terra cotti dal sole nella pulsazione sincronica di corde pizzicate e rantoli metallici in sferraglio organizzato, del bop nel mezzo e nel fondo.
Ci si incita vicendevolmente, si barrisce all'unisono in un fremito che scuote corpo e coppino, una zuffa amichevole, di quelle che alzano polvere, rilasciando sudore a profusione e qualche livido, poi, a colpi di glottide, bacchette su pelli, legni e metalli, archetti e qualche rantolo, s'individua un nuovo orizzonte da indagare/forzare, mentre un richiamo ornitologico si vibra a mezz'aria.
Giunge da lontano e travolge, un ciclo ritmico implacabile, figlio delle periferie del mondo, che a tratti par quasi motorizzato nella sua deragliante traiettoria, lampi e avvitamenti che affettano, mentre geometrie di corde trattengono il tutto sui binari e poi a collassar di volume, intenzionalmente, come una scia di carburante combusto che appare, tremola e scompare nel cielo.
Puzza di tabacco, sudore e uno gnignino di vino rosso, stremati faccia a terra in una memoria blues fatta di una vibrazione incerta.
E che gli dici?
Niente.
Strabuzzi gli occhi e ringrazi mentre tutto si spezza.

Aggiunto: February 11th 2017
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Setola di Maiale Records Home Page
Hits: 365
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest