Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Richard Pinhas, Tatsuya Yoshida, Masami Akita, ‘Process and Reality’

(Cuneiform Records 2016)

La premessa obbligatoria è che chi scrive, di certo per suo demerito, non comprende a pieno le gioie dell’industrial e del noise; motivo per cui la sostanziale estraneità non facilita il giudizio. D’altra parte, un ascolto ‘vergine’ avrebbe dalla sua parte altri vantaggi e potrebbe scoprire elementi d’interesse che altrimenti passerebbero sotto silenzio. Purtroppo, non è questo il caso. La chitarra di Richard Pinhas, l’elettronica di Masami Akita e la batteria di Tatsuya Yoshida danno vita a un lavoro ricco di atmosfere apocalittiche e angoscianti ma in ultima analisi monotone e poco interessanti. Quattro tracce (Intro, Core Track, Non-Sens, Quiet Finale) a comporre un paradossale caos stazionario: un gran dispendio di mezzi e di energie (soprattutto per il batterista!) per un sostanziale nulla di fatto. Gusto dell’improvvisazione, citazioni dotte (il titolo riecheggia un’opera del 1929 del filosofo e matematico Alfred North Whitehead), ispirazione fantascientifica e suggestioni catastrofiche non salvano dal pericolo della noia (che, più dell’angoscia, costituisce la tonalità emotiva principale del lavoro). Salviamo il finale, una sperimentazione meditativa dalla doppia natura, in cui la dilatazione dei suoni elettronici trova la propria nemesi nelle incessanti scorribande della batteria e invade poi tutto il campo, sollevando l’ascoltatore verso lo spazio profondo. Ma non basta.

Aggiunto: February 1st 2017
Recensore: Stefano Oliva
Voto:
Link Correlati: Cuneiform Records Bandcamp Page
Hits: 111
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest