Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Meridian Art Ensemble ‘Seven Kings’

(Innova Recordings 2016)

Tecnica superba, grande versatilità, straordinarie capacità timbriche ed espressive fanno dei Meridian Art Ensemble (MAE) un ensemble unico ed interessantissimo. Tutte queste attitudini si palesano ancora una volta nella loro ultima fatica dal titolo 'Seven Kings'. Le interpretazioni che si susseguono in questo cd rappresentano un vero e proprio crescendo di brani coinvolgenti e di ardua difficoltà esecutiva, ricchi di singolari effetti timbrici e passaggi tecnici molto impegnativi, ma questo formidabile ensemble di ottoni e percussioni newyorkese, fondato nel 1987, si dimostra perfettamente a suo agio nel cimentarsi con tali partiture. Il loro repertorio è, infatti, vasto e molteplice e abbraccia composizioni di Bach e madrigali di Carlo Gesualdo, sino ad opere di compositori come Hindemith, Carter, Babbitt, Stravinsky, escursioni nel progressive rock attraverso arrangiamenti di brani dei King Crimson o di Frank Zappa, oltre a numerose commissioni a compositori contemporanei. Nell’album in questione già dal primo brano Migration osserviamo come la contaminazione del classico contemporaneo si amalgami perfettamente con gli stili tipici del jazz. Di grande suggestione gli effetti in Chimes, tutto giocato sugli echi e le risonanze tra gli ottoni, il vibrafono e le campane tubolari. Molto cerebrali le due composizioni più lunghe del cd For Brass Quintet and Percussion e Passed Time, di grande interesse ritmico e armonico. Non ultima, la forte connotazione ritmica di Thrown Into A World e Extreme Western Frontiers rende tali composizioni di pregevole spessore compositivo nonchè tecnico-esecutivo. Il cd si chiude con la malinconica Opened To The Fragility una sorta di corale sul quale si incastrano improvvisazioni jazzistiche alla batteria, quasi a disturbare il placido scorrere delle melodie.

Aggiunto: November 28th 2016
Recensore: Luciano Feliciani
Voto:
Link Correlati: Innova Records Home Page
Hits: 219
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest