Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Merzbow-Keiji Haino-Balazs Pandi ‘An untroublesome defencelessness’

(RareNoise 2016)

La musica contemporanea va decostuita, frammentata, scomposta, per poi creare nuovi sounds, generi e tendenze.
Non so se Merzbow, Keiji Haino e Balazs Pandi avessero questo intento nel momento in cui hanno pensato di comporre “An untroublesome defencelessness”, tuttavia, la sensazione/riflessione che suscita è questa.
Il trio ha tutte le carte in regola per essere definito un super-gruppo, dato che i tre vantano curriculum invidiabili. Masami Akita (alias Merzbow) è il maggior esponente dell’harsh noise e dell’avanguardia, Keji Haino è un chitarrista psichedelico e si esprime anche con la drone music, mentre Pandi è uno dei migliori batteristi d’avanguardia della sua generazione e vanta collaborazioni con lo stesso Merzbow, Thurston Moore, Mats Gustafsson e Metallic Taste of Blood.
L’album si compone di due movimenti: Why Is The Courtesy Of The Prey Always Confused With The Hunters... e How Differ The Instruction On The Left From The Instructions On The Right?
Il primo è suddiviso in tre parti all’interno delle quali il trio nelle tante sperimentazioni ed improvvisazioni ‘ragionate’ e a lungo ‘pensate’ alterna momenti di free jazz a suoni arzigogolati e in caduta libera, ad altri affastellati ed incastonati in fruscii electro con chitarre che intagliano la cornice sonora.
Il secondo è suddiviso invece in quattro momenti durante i quali inizialmente i tre strumenti vanno in parallelo con la chitarra ben delineata, e con i noises che si inerpicano e spariscono, mentre Plandi percuote i tamburi in modo incompleto, per aumentare la tensione, più avanti il sound diventa progressivamente percussivo e rumoroso, per poi passare ad una fase electro-jazz e concludersi nel grande nulla spaziale di un improv-psichedlico roboante e straniante.

Aggiunto: October 16th 2016
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: RareNoise Records Home Page
Hits: 258
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest