Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Aereogramme ‘sleep and release’

(Chemical underground/Audioglobe 2003)

L’operoso Craig B., dopo aver concluso l’esperienza post-rock con i Ganger, è già al secondo capitolo con la nuova formazione degli Aereogramme. Come già il precedente “A Story In White” anche questo “Sleep And Release” mostra una band eclettica, aperta a mille influenze e generi diversi. Ma ciò non è necessariamente un bene, visto che spesso e volentieri, la band sembra rimanere imprigionata nelle proprie ambizioni, incapace di prendere una direzione precisa.
Cosi si passa tranquillamente da una versione metallizzata dei Pixies (Indiscretion) all’elegia dilatata (oltreché iper-pomposa) di in Gratitude, che guarda in modo malcelato ai Sigur Ros, attraverso solenni momenti acustico-orchestrali che vorrebbero richiamare certi Smashing Pumpkins; ma ciò riesce solo nelle intenzioni e non nei fatti. Comunque a dominare è sempre un’atmosfera drammatica e claustrofobica che contribuisce a snaturare e a forzare le tracce, complice un arrangiamento a dir poco artificioso. Se è vero che la band tocca il fondo con Wood sorta di glam-industrial-metal di pessimo gusto, dove sembra di sentire una versione barocca e tamarra dei Nine Inch Nails, bisogna riconoscere però che ci sono anche momenti pregevoli come Yes, un’onesta ballata grunge, o Black Past, sinfonica pop song, ma ad alzare davvero il tiro dell’album è l’ultima traccia, (priva di titolo) che con un crescendo etereo e cameristico riesce a conquistare. Gli Aerogramme quindi si salvano in extremis, dimostrando che non sono le potenzialità a mancare, quanto una certa capacità a rendere meglio le proprie idee (leggi: buon gusto). Speriamo che in futuro migliorino; per ora non si va oltre la sufficienza.

Aggiunto: April 9th 2003
Recensore: Paolo Scortichini
Voto:
Hits: 964
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest