Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kleinkief ‘Fukushima’

(Shyrec 2016)

I veneziani Kleinkief giocano a fare i Motorpsycho italiani. Dopo un disco melodico come “Gli infranti” si buttano su sonorità più propriamente progressive e psichedeliche.
In quarantaquattro minuti e mezzo sono contenute sei canzoni, che vanno dai 3’43’’ ai quasi quindici minuti.
I Motorpsycho sono irraggiungibili, ma per i veneziani sono una chimera, perché il sound non è fluido, ma troppo compatto e i cambi di registro stilistico presenti soprattutto all’interno dei brani più lunghi distraggono e portano fuori strada l’ascoltatore (Grattacieli).
I testi forse troppo criptici contribuiscono a non coinvolgere, accentuando una distanza con chi ascolta.
Quando il gruppo intraprende la strada della psichedelia si sente una pesantezza insostenibile (Fukushima). Unico brano apprezzabile del lotto è I dannati, abbastanza accattivante e vicino alle sonorità dei primi Ulan Bator.
Il gruppo deve ancora sperimentarsi e misurarsi in studio a lungo.

Aggiunto: May 17th 2016
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Kleinkief Facebook Page
Hits: 345
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest