Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lucinda Williams ‘The ghosts of Highway 20’

(Highway 20 2016)

Ne ha fatta di strada la cantautrice Usa, ma non le basta. Ha ancora bisogno di andare e questa volta lungo il suo cammino, quello del Highway 20 ha rincontrato i fantasmi del suo passato, i luoghi della sua infanzia e della sua giovinezza.
Il disco, un doppio cd o vinile, infatti, è molto malinconico, tuttavia, si tratta di una malinconia che non strugge, ma che accompagna piacevolmente l’ascoltatore a ricordare anche le cose del proprio passato.
Da cantautrice navigata Lucinda Williams struttura i suoi brani su un American folk che affonda le sue radici nel country, ma che si emancipa da questo, spingendosi verso territori jazzati/blusati evocativi.
i brani, infatti sono tutti lunghi, variano dai quattro ai quasi tredici minuti, anche se non necessariamente verbosi, con chitarre avvolgenti, che si tratti di ninnananne country (Place in my heart), o di momenti particolarmente intimi House of Earth, passando per la ballata di If there’s a Heaven.
La malinconia come si sa è parente strettissima del blues, per cui Lucinda Williams ci delizia con le dodici battute della title-track, di Doors of Heaven, di Faith & grace e di Can’t close the door on love. Menzione particolare va alla riuscitissima cover di Factory di Bruce Springesteen, valorizzata da una bellissima chitarra che si erge a metà del brano.
Un lavoro da età matura, ma che affascinerà anche i più giovani.

Aggiunto: March 22nd 2016
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Lucinda Williams Facebook Page
Hits: 328
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest