Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Livia Ferri ‘A Path Made by Walking’

(BUMI/Milk 2015)

Livia Ferri è Grace Slick (cfr. Hyperbole) e Joni Mitchell (The Boss): Joni, soprattutto, abita nelle sue corde (cfr. Dots). Chitarre molto molto americane (quelle della stessa Livia – Love − e quella baritono di Andrea D’Apolito) e una voce che ricorda un lungo fiume che scorre (Heritage): questo è registrato in “A Path Made by Walking”, e tanto altro. Per esempio, folk innervato di indie-rock moderno e scuro (Patterns); ma in tutto il CD ci sono tanti Stati Uniti, tanti loro film e serie televisive (e la cantante romana sarebbe un’ottima autrice di OST: basta sentire la quieta malinconia “Sufjan Stevens” in Happy). C’è anche una tromba quasi jazz, quella di Paola Fecarotta, in Gratitude.
Brava.

Aggiunto: January 31st 2016
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Livia Ferri Home Page
Hits: 400
Lingua: albanian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest