Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Būnuel ‘A resting place for stranges’

(La Tempesta International/Goodfellas)

Sinceramente è difficile trovare le parole giuste per iniziare la recensione di questo disco. Riuscire a descrivere l’entusiasmo che emana e la potenza che lo caratterizza è molto complicato. Questo disco andrebbe ascoltato a tutto volume punto e basta.
Per i meno informati si tratta del supergruppo formato da Pierpaolo Capovilla (basso) e Franz Valente (batteria) del Teatro degli Orrori, Xabieri Iriondo (chitarra) degli Afterhours e non solo e da Eugene S. Robinson (voce) degli Oxbow noise band californiana.
Noise, hardcore e post-punk e post-core sono gli ingredienti principali di questo lavoro, le cui parti musicali sono state registrate in tre giorni e poi Robinson ci ha aggiunto la voce.
“A resting place for stragers” è un disco concettualmente e profondamente punk: otto brani in poco più di trentun minuti. Otto brani diretti, senza fronzoli. Otto pugni in faccia che devastano (o esaltano) l’ascoltatore.
Nulla è fuori posto, ma tutto perfettamente oliato, tra il noise tirato e con cambi di tempo di matrice Touch‘n’Go, vedi Shellac, di Dump truck, e l’industrial post-punk di Me + I, dove l’iniziale incrocio tra il David Bowie berlinese e i NIN degenera in un’orgia di martellamenti hardcore misti a sensualità. Se in This is love si parte dalla rievocazione dei primissimi One Dimensional Man per poi macinare un hardcore sfrangiato nella brevissima Whipsaw l’hardcore è talmente frenetico e veloce, da risultare compresso, per non parlare dei singulti del post-core di una Jesus with a cock che lascia senza fiato, dato che viene oltrepassato il limite finora reso invalicabile dalla dimensione del suono cui ci avevano abituati gli Uzeda e i Jesus Lizard.
Insomma ragazzi lasciatevi sfasciare le orecchie e introiettate tutto il noise intriso in questo disco!!!

Aggiunto: January 30th 2016
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Būnuel Facebook Page
Hits: 325
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest