Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Jesse Malin ‘Outsiders’

(One Little Indian 2015)

Ottavo album per il cantautore Usa, carico di rock. “Outsiders”, infatti, a differenza dei lavori precedenti, ha un’impronta meno pop.
I ritmi sono più serrati a partire dal primo brano, la title-track, nella quale Malin omaggia senza troppi fronzoli Bo Diddley, stessa attitudine in Here's The Situation, che vede ospite alla chitarra J. Mascis.
Altri elementi che caratterizzano questo album sono da un lato il r’n’b, utilizzato in vari modi, in modo più o meno deviato alla Beck (Society Sally), dall’altro il folk-pop di matrice Usa. Questo elemento emerge in più brani, vuoi nelle melodice pregnanti di San Francisco, vuoi nel rock che si incontra nella strada tracciata da Tom Petty di Edward Hopper.
Se il r’n’b pervadono parte di questo disco, lo stesso vale per gli anni ’70, in particolare in The Hustlers e nella cover dei Clash Stay Free, resa evocativa e nostalgica.
Un lavoro che lo stesso cantautore ha definito crudo e personale.

Aggiunto: December 31st 2015
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Jesse Malin Facebook Page
Hits: 434
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest