Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Max Carletti Trio ‘10 AM’

(Silta Recors 2014)

Che cosa ha ancora da dire la classica formazione jazz composta da chitarra, contrabbasso e batteria? Pare questa la domanda cui tenta di dare risposta l’album “10 AM”, opera del trio capitanato dal chitarrista Max Carletti. Insieme a Paolo Franciscone e a Stefano Profeta il musicista torinese lavora con gusto e procede per sottrazione, suggerendo più che proclamando. La prima traccia, che dà il nome al disco, è particolarmente equilibrata: la melodia delicata e suadente della chitarra vira improvvisamente verso una frase inquietante e come zoppa, per poi liberarsi in un solo ispirato. Il suono delle sei corde è sempre al centro, caldo e ricco di medi, come vuole la tradizione che in Wes Montgomery e Joe Pass riconosce i propri numi tutelari. Accattivante l’attacco di In the sun, tutto percussioni e Sud America; ipnotico il delay di Almost full moon, che si apre inaspettatamente verso un fraseggio funky; decisamente più sperimentale John me, con effetti interessanti in un’atmosfera elettrica. Il livello è alto ma già a metà album si inizia ad avere la sensazione di riascoltare qualcosa già sentito, o comunque di riesaminare le potenzialità del trio. Il risultato è sempre valido, ma l’eloquenza della chitarra finisce per tradursi in un monologo leggermente retorico. Alcuni brani più tenui, come Summer walk o Ten days, non aggiungono molto a quanto già detto. Più ispirato il finale, Quiet, delicatamente lirico. L’ascoltatore che ama la chitarra ritroverà il piacere di suggestioni note, ma (nel bene e nel male) non sobbalzerà sulla sedia per grandi colpi di scena.

Aggiunto: January 1st 2016
Recensore: Stefano Oliva
Voto:
Link Correlati: Silta Records Home Page
Hits: 349
Lingua: albanian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest