Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Adamennon / Altaj 'Turiya'

(Boring Machines 2015)

Lisergia cosmico dronante, cupa e descrittiva.
Un riuscito split album quello assemblato dalle due entitā.
Che nella prima parte (Adamennon), si presenta come frinire elettroacustico (l'iniziale Manvantara), procede evocando spettri dark (black) ambient nella tensione gotica di Niranyagharba (con insistenze alla Broadrick) per poi scivolar nel buio fra segnali Morse digital/astrali e contorsioni vocali (Pralaya).
Qualche spigolo in meno per Altaj, che tratta medesima materia esaltandone la componente soundtrack.
Distese di suono in lenta progressione stratificata e luminose scie nel cielo (Syngaaga), field recordings, corde in effetto e tetre ambientazioni con l'attrito a urlar nelle orecchie (Teletskoje).
Comune ispirazione la forniscono rituali e storie delle popolazioni nomadi di Tibet e Mongolia (silenzi, pietre e notturne dissonanze).
L'effetto carta da parati minimale č brillantemente evitato.
Ben fatto.

Aggiunto: December 7th 2015
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Boring Machines Records Home Page
Hits: 903
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest