Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Motherfucker ‘Confetti’

(Sick Room 2015)

Gran bell’esordio per questo trio femminile di Athens. Le Motherfucker non guardano in faccia a nessuno e sparano il loro punk vorticoso senza fare sconti.
Evocando i fasti delle riot grrrls degli anni ’90 le Motherfucker si rifanno alla scuola del noise-punk degli anni ’90 di Chicago, per cui in questi nove confetti troviamo tutto lo scibile di cui ci hanno edotti Shellac, The Jesus Lizard, L7 & co.
Tra momenti precipitosi (I’m fucking dick dale) e richiami al miglior indie-noise degli anni ’90 (Wild cherry nightmare), il trio si lascia andare anche a momenti industrial (Good time).
Tuttavia, il pezzo migliore del lotto è Nobody leave this place without singing the blues, nella quale vengono miscelati sonorità dell’asse Shellac-Uzeda, con le vibrazioni post-punk degli ultimi Mission of Burma e le tensioni grunge.
Insomma si tratta di uno dei migliori esordi del 2015.

Aggiunto: November 10th 2015
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Motherfucker Facebook Page
Hits: 285
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest