Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dumbsaint ‘Panorama, in ten pieces’

(Bird’s Robe 2015)

A tre anni da “Something that you feel will find its own form” i Dumbsaint tornano sul luogo del delitto con un album di post-metal, interamente strumentale denso e che non lascia nulla di intentato, nè al caso.
Il quartetto australiano anche questa volta ha lavorato in funzione della realizzazione di un film, su cui lavoreranno soltanto i quattro membri del gruppo.
Il sound di “Panorama, in then pieces” appartiene allo stesso filone dell’asse che va dagli Swans agli Isis, passando per i Tool e per tutta la tradizione del post-rock.
I brani sono, infatti, spesso dilatati e con derivazioni più o meno psichedeliche, a volte con un’inclinazione epica (Low visions), altre con una tendenza al surriscaldamento (Of no return).
Il post rock emerge nella sua interezza soltanto in Graceland, mentre in Cold call il metal spezzettato e sovraeccitato aumenta la tensione.

Aggiunto: November 4th 2015
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Dumbsaint Facebok Page
Hits: 429
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest