Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


JJ72 'I To Sky'

Lakota/Sony Music 2002

Il fatto di provenire da una nazione che non produce molta musica ‘commerciale’ quanto può influenzare un gruppo? In questo caso parliamo dell’Irlanda, a parte quei gruppi che tutti conoscono tipo U2 e Cranberries, il rock alternativo irlandese non esiste nel senso stretto del termine, è piuttosto un mix di varie influenze esterne, soprattutto inglesi. In questo panorama i JJ72 si collocano in un limbo dorato fra Placebo e Muse, infatti. Dopo mesi e mesi di tour incessante come gruppo spalla di questi ultimi, un album di buon successo e addirittura alcuni concerti accanto ai New Order, il trio irlandese ritorna con un nuovo atteso lavoro.
I JJ72 sono ricordati soprattutto per canzoni bittersweet come Snow (singolo di gran successo), Oxygen e October Swimmer, da qui la nomina di gruppo dalla vocina teenageriale e dai testi abbastanza zuccherosi. Ma è una definizione da scartare completamente, piuttosto il trio è intriso di una malincolia tipica dublinese e ciò si riflette in ogni singola canzone che fanno.
“I To Sky” ce li fa ascoltare in una versione più razionale rispetto al primo lavoro, più costruita ma non per questo meno sincera o godibile. C’è da dire però che questo album è completamente privo di singoli orecchiabili come i tre sopracitati, in questo senso è un lavoro che richiede più attenzione, è più completo e sicuramente più maturo. Non mancano comunque canzoni stupende come Brother Sleep o I Saw A Prayer.
Insomma per quanto i JJ72 abbiano ereditato molto dai Placebo (pure troppo, l’attacco di Serpent Sky sembra quello di Every You, Every Me), si differenziano da questi ultimi proprio perché la loro malinconia è mutuata proprio dalle radici della propria nazione, è qualcosa che va al di là del semplice ‘sono solo e nessuno mi capisce’. Però Mark Greaney canta sempre le sue tristi canzoni e continua a sperare per sempre (come diceva alla fine del primo album), quindi i JJ72 non sono cambiati poi molto.
Più maturi, più in controllo delle loro canzoni ma sempre irlandesi.

Aggiunto: March 13th 2003
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage JJ72
Hits: 1532
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest