Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Michael Vlatkovich 'Elasticity'

(Pfmentum 2015)

Di nuovo il trombonista/compositore Michael Vlatkovich, di nuovo alle prese con i versi del poeta Mark Weber.
Quel che riusciva piuttosto bene nel precedente incontro (“Multitudes Telepathic”) viene in “Elasticity”, passato ad un ingrasso che non giova affatto all'insieme.
Trombone, voce declamante maschile, voce gorgheggiante femminile, sax tenore/clarinetto, piano e basso (oltre al compositore e lo scrittore, Carol Sawyer, Steve Bagnell, Lisa Miller e Clyde Reed).
Dalle parti di una stramba e allucinata visione quasi da musical jazz/blues, senza leggerezza alcuna, con ampie zone impro e sbrodolamenti assortiti (la voce di Carol Sawyer che imperversa stucchevole in ogni dove).
La scarna giocosità noir del precedente capitolo, sostituita da un complesso apparato strumentale, notturno si, ma propenso a stimolar notevoli sbadigli.
Se ne può onestamente far a meno.

Aggiunto: October 5th 2015
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: pfMentum Records Home Page
Hits: 242
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest