Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Zidima ‘Buona Sopravvivenza’

(NelMioNome Dischi, I Dischi del Minollo, Rumori In Cantina Records, 2015)

Se a vedere una vecchia camicia di flanella vi viene la lacrimuccia, perché da quando vi siete sposati vostra moglie ve le ha relegate in garage dopo avervi detto di non essere più dei ragazzini coi capelli lunghi e che gli adulti si devono vestire a modo, allora non dovete più consolarvi ascoltando di nascosto ‘Badmotorfinger’ dei Soundgarden, perché direttamente da quella landa nebbiosa e piena di smog che chiamano Lombardia, arrivano gli Zidima, che non è il nome di un farmaco in compresse ma un personaggio pirandelliano, con il loro nuovo lavoro ‘Buona Sopravvivenza’. Il disco nel suono e nelle liriche è un vero e proprio amarcord degli anni novanta, disincanto, tormento, rabbia, dolore, dissonanze, distorsioni… Insomma, i clichè ci sono tutti. Ed il bello è che tutto funziona alla grande; ad un fugace ascolto potrebbe sembrare una pallida operazione nostalgia, ma più si passa il tempo col disco nello stereo più lo si apprezza, perché i ragazzi sembrano del tutto onesti, mettono semplicemente in scena quello che hanno dentro e lo dicono forte, in maniera sentita, emotiva, e forse il sound grungettone che pervade il disco non poteva che essere una scelta obbligata per questo sentire sensibile e tormentato. Inutile dire che nelle canzoni troviamo facilmente echi nostrani (Massimo Volume, Marlene Kuntz e Afterhours), ma ci sono anche richiami a band d’oltre oceano che degli anni ’90 hanno fatto la storia, come in ‘L’Autodistruzione’, che è un perfetto collage tra Smashing Pumpkins e Stone Temple Pilots. Notevole la traccia di chiusura in stile Tool. Che dire? Viva gli anni ’90 e buon ascolto.

Aggiunto: September 19th 2015
Recensore: Davide Giustozzi
Voto:
Link Correlati: I Dischi del Minollo Records Home Page
Hits: 559
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest