Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


We Are Waves ‘Promises’

(MeatBeat Records 2015)

Un brano come 1982, posto all’inizio della loro raccolta “Promises”, chiarisce immediatamente gli intenti e le influenze possibili dei torinesi We Are Waves: metronomica batteria elettronica, basso epico, risacche di chitarra sotto vuoto e voce profonda/risonante. Siamo in piena temperie “neo-new wave”, tra primi Editors e esordienti White Lies. Proprio la band di Harry McVeigh, Charles Cave e Jack Lawrence-Brown rappresenta il ricordo più immediato (sentire la “cavalcatona” Promises o la ballatona Silent Lullaby) che sovviene all’ascolto del quartetto piemontese, in primis per il cantato e la sei corde di Fabio Vissone. Aiutano, certo, anche i sintetizzatori di Cesare Corso e la imprescindibile, in questo genere, sezione ritmica (Fabio Menegatti: basso: Francesco Pezzali, batteria).
Confezione – sonora e visiva – altamente professionale.
Aspettiamo la loro Farewell to the Fairground.

Aggiunto: September 2nd 2015
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: We Are Waves Home Page
Hits: 456
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest