Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Hugo Race & The True Spirit ‘The spirit’

(Glitterhouse, 2015)

Dopo sette anni Hugo Race è tornato ad incidere un disco con la sua storica band. Il sound è lo stesso degli altri undici album, vale a dire quell’industrial-trance-blues accattivante e convincente.
Quasi tutto il disco è pervaso da queste sonorità nelle quali vengono evocati i fantasmi di New Orleans e non sono pochi i richiami al Tom Waits apparentemente più disordinato (The information) o al blues evocativo (Higher power) o ancora a quello che è diventato a tutti gli effetti il suo marchio di fabbrica (Wildcards).
Tuttavia, mi riesce difficile comprendere come mai Race abbia voluto inserire un paio di brani: Heaven or die e Heartbreak 69, sicuramente interessanti, ma che risultano spuri nel contesto generale del disco, trattandosi di un brano di musica quasi classica (il primo) e di sperimentazioni elettroniche (il secondo).
Nonostante ciò il disco è ben suonato e il blues che resta la base su cui sono stati strutturati i brani è il valore aggiunto di un ottimo lavoro.

Aggiunto: August 19th 2015
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Glitterhouse Records Home Page
Hits: 303
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest