Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


LORØ ‘LORØ’

(DIO)) DRONE, Red Sound Records, In The Bottle Rec, Cave Canem DIY e Icore Produzioni!, 2015)

Se c’è una cosa che il rock sperimentale degli ultimi anni ci ha insegnato, è che se non ti chiami Mike Patton, la varietà di contaminazioni musicali è inversamente proporzionale alla riuscita del disco. Infatti non importa quanti generi tu possa mescolare, se non hai nulla da dire, puoi spaziare dal funk ai canti tribali del Botswana, ma la tua musica sarà solo un’insalata insipida. I Mr.Bungle per quanto alle volte bizzarri, funzionavano perché non erano al servizio dei generi, ma al contrario usavano i generi come strumenti per dare corpo alla propria voce. Al contrario molte band, sotto l’imperativo di sperimentare a tutti i costi, finiscono solo per fare un collage del proprio background musicale senza aggiungere nulla di nuovo a ciò che già è stato fatto da altri, purtroppo senza far neppure trasparire nulla su dove siano loro artisticamente, perché a citare troppo si finisce quasi per essere più esecutori che autori. Il problema del debutto discografico omonimo dei LORØ è proprio questo: nove tracce sospese tra prog-metal, math-rock e noise, dove però il trio veneto non ci mostra mai la propria vera anima. Passando di pezzo in pezzo si odono solo Mastodon, Battles, Godflesh e Big Black in versione strumentale e con contaminazioni elettroniche alla Renznor. Purtroppo, continuando nell’ascolto, solo il jazz malato di ‘High Five’ o l’ambient rumorosa di ‘Ø’ riescono a dirci qualcosa di più sul vero volto dei LORØ, che però subito dopo continuano a nascondersi dietro il sound di altri, come dimostra anche il pezzo di chiusura ‘To Whome It May Concern’ che sembra scritto da un Josh Homme sotto steroidi. Al contrario l’esecuzione dei brani è impeccabile, e la produzione dalle sonorità nitide e rotonde, non fa altro che risaltarla. Cosa dire? Speriamo che il trio veneto smetta di celarsi dietro muri di suoni già codificati e che inizi a gettare le fondamenta per un sound se non originale, quantomeno personale. Buon ascolto.

Aggiunto: August 15th 2015
Recensore: Davide Giustozzi
Voto:
Link Correlati: LORØ Soundclod Page
Hits: 398
Lingua: albanian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest