Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Makhno ‘The third season’

(Brigadisco/Neon Paralleli/Bloody Sound Fucktory/Hysm?/Il Verso del Cinghiale/Only Fucking Noise/Villa Inferno/Xego/Wallace 2015)

Dietro il nickname di Makhno si cela Paolo Cantù factotum, polistrumentista e unico membro di questo progetto. Cantù non è un personaggio nuovo nella scena underground Milanese e non solo, dato che tra i tanti progetti a cui ha dato vita ne ricordiamo soltanto due Afterhours e Six Minute War Madness.
“The third season è il suo secondo Lp firmato Makhno, ma con questo nome ha anche pubblicato un paio di Ep.
Cantù ha suonato proprio tutto, vale a dire chitarre, basso, batteria, voci, drum machine, clarinetto, keyboards, nastri, elettronica e si è occupato anche della registrazione e del mixaggio. Unico ospite in un paio di brano è stato Federico Ciappini, anch’egli ex SMWM.
Il disco è collocabile nell’indie sperimentale italiano. Il disco è molto ragionato e i brani, nonostante le tante divagazioni hanno un filo logico e svolgono un percorso dialettico.
Il noise, in tutte le sue sfaccettature, in particolare quello industrial, è molto presente, vuoi quando sfocia nell’hardcore (Do not let the olive branch fall from my hands), vuoi quando diventa nervoso e percussivo (I dreamed I saw Mark P. last Night). In questo contesto si rivela strano un brano come Per non mai dimenticarmi, che resta sostanzialmente teso e ansioso, mentre in Die Gedanken sind Frei si respira un’aria greve e drammatica.
Un lavoro in grado di dare ossigeno al filone delle sperimentazioni.

Aggiunto: April 4th 2015
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Brigadisco Records Home Page
Hits: 663
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest