Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Francobeat ‘Radici’

(Sabea 2014)

Ma lo sapevate che i testi di questo disco li hanno scritti i matti?! Sì i matti, i matti quelli veri rinchiusi nella residenza per disabili mentali “Le Radici” di San Savino a Riccione. In un processo creativo durato due anni, Francobeat, ha musicato le loro parole e anche le loro voci, distorte dai suoi “giocattolini”, con l’aiuto di musicisti (e cantanti) esterni come Giacomo Toni, Pieralberto Valli, Giuseppe Righini fino ad arrivare alla chitarra acustica di Moro. Ne è uscito fuori un vero album pop con contaminazioni elettroniche, un incontro tra Battiato e David Byrne pieno di ritmo e libertà. Ma i matti di cosa possono parlare? Quelli stanno in un altro mondo… che ne sanno della vita reale?
Ne sanno, ne sanno.
E leggendo tutti i testi ci si accorge di una sensibilità di fondo fanciullesca ma autentica, pura, dura e cruda di chi il disagio lo percepisce davvero senza costruirci sopra una posa, come certi cantautori di oggi. Perché se ascolti Io ero bellissima ti commuovi per la nostalgia di qualcosa che è andato perduto e che si è deteriorato nell’anima e nel corpo, in Verde/secco leggi paura, solitudine ed ironia e corri subito a cercare le pillole magiche che fanno volare (Pillole). Ma in fondo, questi temi, queste sensazioni, non sono tutto ciò che proviamo ogni giorno? La ricerca della libertà, il desiderio di essere amati, accettare e accettarsi, l’amore, il dolore e la speranza, come si canta qui, che cambino le cose(con la bella partecipazione di John De Leo). E allora forse questi matti non sono poi così matti e vivono come noi tra sentimenti, confusione e dolore con la sola differenza che loro non hanno filtri e non sono schiavi “del quieto vivere”.

Aggiunto: March 15th 2015
Recensore: Rachele Paganelli
Voto:
Link Correlati: Franco Beat Facebook Page
Hits: 396
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest