Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kevin Drumm 'Sheer Hellish Miasma'

(Mego/Demos 2002)

Chi gradisce Tony Conrad o Merzbow in questo nuovo lavoro del chitarrista di Chicago potrà trovare pane per i propri denti affilati. La massa sonora violenta ed elettrica che si adagia sul tutto è notevolmente convincente in virtù di una serie di scelte tonali che non si scostano mai più di tanto dal verbo noise più forsennato.
Ma bisogna riconoscere la potente carica evocativa presente in queste musiche terribili, bisogna essere in grado di accettarne il corpo come forse più logico ed attuale proseguio del lavoro di minimalisti storici come appunto Conrad o Riley, bisogna saper ingoiare questi bocconi di filo spinato fino alla fine per poter esprimere un giudizio compiuto. Sembra assurdo ascoltando un disco del genere trovarvi connessioni in altri materiali più e più calmi ed accessibili eppure proprio di ambient stiamo parlando; scura come pece sia chiaro ma assolutamente vitale come poche altre proposte. I battiti che aprono l'opera sanno di scherzo al napalm eppure non vi è inizio migliore, la trance immane di 'Turning Point' ce lo rende palese, 'The Inferno' è un corpo unico con il titolo ma la conclusiva 'Cloudy' ci rammenta che l'artista in questione è tosto come pochi e la versatilità è pane quotidiano nella sua dieta. Assolutamente da ascoltare a volume alto per poterne apprezzare in pieno gli urticanti passaggi, bisogna sentir tremare i mobili e forse l'anima per cavarne fuori qualcosa.
Insetti giganteschi che producono caos liberatorio ed assolutamente cangiante che chi ha dimestichezza con ben più vecchi materiali di scuola industrial non potrà non salutare con benevolenza. Non credo di dire un'eresia affermando che lo spirito di Lamonte Young è ad un battito di ciglia da questi suoni torturanti, il materiale di base è lo stesso; varia soltanto la lente di osservazione.
Questo lavoro poi alla fine ci parla di vita, delle nostre vite, ed anche dei cambiamenti che risiedono nella staticità. Il movimento talvolta non è tutto.
Queste poche note ripetitive e dolorose sembrano sputate fuori da una qualche divinità incazzata eppure incapace di far del male a qualsiasi essere vivente.
Ci piace perchè nonostante la pellicola dolorosa è forgiato nel brulicare incessante dell'esistenza.

Aggiunto: March 2nd 2003
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.mego.at
Hits: 1267
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest