Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


John Zorn 'Iao Music in Sacred Light'

(Tzadik 2002)

"Iao" è il codice simbolico presente nella Cabala per indicare il nefasto 666, questo da amorevoli note di copertina. Opera intrisa di nero, quindi ci si deve attendere e così in parte si rivela essere. A dir la verità questo indulgere sulle sacre arti magiche del signor Aleister Crowley mi sembra un tantino forzato e risaputo, ma l'opera in questione possiede un taglio accessibile, prediligendo atmosfere piuttosto piacevoli.
La suggestione è tanta ed è sicuramente necessaria per il buon esito dell'impresa, quindi accendiamo le torce ed immergiamoci in questo buio antro magico.
Il rito condotto dal maestro Zorn impegna notevolmente alcuni fra i suoi cari accompagnatori usuali, ritroviamo Patton, Greg Cohen, Laswell, Jim pugliese; tutti all'opera nel realizzare questo rito che poi in fondo tanto cattivo non si rivela essere. La classe del conduttore è assolutamente innegabile è questa ne è l'ennesima riprova, al posto di soluzioni sonore da taglio nell'affrontare la questione il nostro prefrisce optare per un'esposizione fluida e languida che di molta carica sensuale pare pregna; una notevole opera di scrittura che, nella molto ipnotica 'Sex Magik', mi ha addirittura rimandato a lavori passati dei vecchi Coil come atmosfere. I cori oscuri di 'Lucifer Rising' possiedono una carica diabolica quanto un buon bicchiere di vino rosso e la glaciale 'The Clavicle of Solomon' trattiene all'interno del suo dna porzioni di male rapportabili al torpore di certi pomeriggi invernali, quando il sonno delle cinque arriva sempre puntuale e non richiesto. Bello, bello; bello.
Piace proprio la volontà di non usare formule scontate sostituendo ai contorcimenti una dimensione lounge piuttosto aliena. L'unica nota stonata forse si rivela essere il black metal di 'Leviathan' ma dura poco e si dimentica in fretta. Anche perchè nella conclusiva ed assai pacata 'Mysteries' sembra annidarsi una serena consapevolezza che lentamente fluisce nel silenzio finale.
Tranquilli dunque, nessuno spiritello maligno si materializzerà nella vostra cameretta ordinata.

Aggiunto: March 2nd 2003
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.tzadik.com
Hits: 1068
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest