Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Johann Sebastian Punk ‘More lovely and more temperate’

(SRI Productions 2014)

Massimiliano Raffa e i suoi scagnozzi. Mi mancava tutta questa sfrontatezza, non la sentivo dai tempi del brit pop, ora i nostri cantautori e musicisti sono rassegnati, in crisi e peggio ancora contenuti. E soprattutto non sentivo da molto tempo idee così belle, dirette e personali per arrangiamenti e melodie. 'More lovely and more temperate' (grazie per questo titolo shakespeariano) è un album eccessivo pieno di brit pop, classica, punk e soprattutto glam rock. Proprio lì si va a parare, l’eccesso. Uomini che sembrano donne, colori, teatro, bisessualità. Marc Bolan e David Bowie. Essere se stessi tramite una maschera o non esserlo e giocare per sopravvivere. Massimiliano ha capito questo: mai prendersi troppo sul serio. Ci tiene a provocare con i suoi testi nonsense e sporchi, immagini a volte non sempre piacevoli ma piene di nostalgia, amore, morte, ironia quasi blasfema (su tutti spicca il testo Jesus Crust Baked). Non si dovrebbero nemmeno spiegare testi così esagerati perché si rischia di togliere tutto il fascino con la banale realtà. Ci si deve abbandonare alla sensazione e al sensazionale. Un ironico circo punk (Yess, I miss the Ramones). Certo, bisogna ancora lavorare molto sulla scrittura, alcuni passaggi nei testi faticano a stare in piedi e non rendono giustizia alle bellissime e potenti parti strumentali (consigliatissima Enter) ma sono sicura che si andrà in crescendo. Alla produzione ovviamente, non poteva che esserci Beatrice Antolini, così vicina a questo mondo di meravigliosi suoni alieni ed esagerati. Lancio un guanto bianco di sfida (rigorosamente in seta) a Massimiliano, la vera sfida di questi tempi: rock, esagerazione e punk vs lingua italiana. Confido in te.

Aggiunto: September 13th 2014
Recensore: Rachele Paganelli
Voto:
Link Correlati: Johann Sebastian Punk Facebook Page
Hits: 698
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest