Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Wovenhand ‘Refractory obdurate’

(Glitterhouse 2014)

Misticismo e punk non hanno mai trovato il giusto equilibrio come nell’ultimo lavoro di David Eugene Edwards e dei suoi Wovenhand. A differenza degli suoi ultimi lavori Edwards ha deciso di dare un piglio maggiormente rock, in alcuni casi anche post-punk e gothic, ai suoi brani, mantenendo l’intensità e la grevità blues di sempre, come anche i richiami ai nativi americani.
“Refractory obdurate” è uno dei migliori lavori degli Wovenhand proprio perché nonostante alcuni cambi di formazione, il sound è denso, pieno e ritmato, probabilmente grazie al fatto che Edwards ha raggiunto un suo equilibrio interiore e sta riuscendo a capitalizzare l’eredità religiosa che gli ha trasmesso il nonno pastore protestante con il quale è cresciuto.
Il disco si apre con Corsicana clip, strutturata su un blues sospeso tra la religione ed un elettrica vibrante, cantata in modo evocativo. Masonic youth è intrisa di un’epica rock essenziale, larga, onnicomprensiva, una cavalcata rock che fa venire in mente un Neil Young ubriaco di punkitudine. Per The refractory il sound è una ballata tesa, che stenta, volutamente, a decollare, per cui la tensione fa apprezzare ancora di più il brano fatto di pichi accennati, di ritorni indietro e di avvolgimenti su sé stesso.
Il rock si fa duro, evocativo e vibrante per il canto del buon pastore, The good shpherd, infatti, è un ottimo rock scheggiato, intriso di indie-blues, come lo è anche Salome, benché qua le chitarre scendano agli inferi, mentre per King David lo scarno blues si fa tribale, ma il brano è pervaso da un senso di ascesa e di forte misticismo terreno.
Il post-punk emerge in maniera evidente nell’esplosiva Field of Hedon e nella possente Hiss, che si contrappone alla lunga e lenta Obdurate obscura, prima che un finale vibrante ed aperto, ma che lascia sospesi arrivi con El-bow.
C’è poco da fare il misticisimo di Ewards riesce ad affascinare anche il più integralista materialista storico, perché il sound che costruisce attorno ai testi è profondamente radicato e terreno.

Aggiunto: June 7th 2014
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Glitterhouse Records Home Page
Hits: 606
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest