Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lobi Traoré 'Bamako Nights: Live at Bar Bozo 1995'

(Glitterbeat/Goodfellas 2013)

Lobi Traoré, insieme al suo amico Alì Farka Tourè è stato uno dei più importanti musicisti africani.
Il chitarrista/cantante maliano, a differenza di Tourè, non ha mai avuto problemi a sostenere che la musica della sua terra, se da un lato aveva dato origine al blues, dall’altro ne era rimasta influenzata. Traoré, dunque è stato uno degli antesignani della contaminazione del blues tra le due sponde dell’Atlantico, ben prima dei Tinariwen e dei Tamikrest.
Non è un caso dunque se questo live postumo, dato che il musicista è deceduto nel 2010, esce per la sotto-etichetta delle Glitterhouse, la Glitterbeat, gestita da quel Chris Eckman, vittima felice del mal d’Africa, che, tra le tante cose fatte con musicisti africani e in Mali, ha prodotto anche l’ultimo disco di Traoré: “Rainy season blues”.
Il concerto è stato registrato poco prima che il maliano giungesse alla visibilità internazionale. Uno degli aspetti più piacevoli di questo disco è sentire le voci del pubblico, felice non soltanto perché stava ascoltando un grande artista, ma anche perché il Paese aveva da poco ottenuto la democrazia.
Nei sette brani Traorè sfoggia la sua invidiabile capacità di fondere le sonorità africane e americane.
Il disco inizia con il lento blues di Ni tugula mogo mi ki e prosegue con l’eclettica e variegata Banani, nella quale si avvicendano funk, reggae e rock, con le chitarre elettriche che si dilatano fino ai confini con il progressive.
Le chitarre di Dunuya creano un solco profondo nell’anima, la lentezza e il modo in cui viene scandita la canzone ci porta nell’Africa più profonda. La ritmica altalenante di Sigui Nyongon son fo è un mantra che ti cattura e che non ti lascia più, ma per fortuna che poi arriva a rompere l’incantesimo l’ondeggiante e particolarmente blusata Ne kela kanuba.
I cinquanta minuti del concerto si concludono con le percussioni in accelerazione di Dibi e con la profonda Bamaku n’tichi, nella quale Traoré ci fa tornare alle origini dell’umanità.

Aggiunto: January 9th 2014
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Glitterbeat Records Home Page
Hits: 521
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest