Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Fabio Orsi ‘Endless Autumn’

(Backwards 2013)

Ritorna su questi lidi Fabio Orsi, dopo averci deliziato qualche tempo fa in duo con Gianluca Becuzzi con l’opera ‘Dust tears and clouds’, e lo fa con questo album dedicato all’autunno, opera che esce per una giovane ma agguerrita etichetta pugliese, Backwards. L’idea da cui prende spunto il disco nasce dall’osservazione dei suoni dell’ambiente tra settembre ed ottobre delle città di Taranto e Berlino, l’una che gli ha dato i natali, l’altra attuale residenza del musicista. Orsi, usando la tecnica del fields recordings, interagendo con la chitarra elettrica e l’elettronica ci guida nei meandri della percezione del tempo e dello spazio in questo particolare periodo della stagione. Lo fa con l’album suddiviso in cinque parti che mostrano i diversi e sfaccettati aspetti di un’osservazione malinconica della natura. I brani, stratificazioni di ripetizioni che variano durante la durata immergono l’ascoltatore in uno stato di continua attesa, alimentata dal cambio di brano. I momenti di stasi si alternano ad altri di ripartenza in una continua sovrastimolazione sensoriale che crea attesa e la soddisfa solo in parte, lasciando un resto, un qualcosa impalpabile che aleggia nell’etere. Le fasi di movimento verso un obiettivo, verso un senso ricercato, vengono alternate ad altre di stasi, come ad indicare le continue trasformazioni che avvengono nell’ambiente circostante, per giungere ad una fine, si può dire convenzionale che non si chiude ma apre all’infinito.

Aggiunto: December 5th 2013
Recensore: Marco Paolucci
Voto:
Link Correlati: Backwards Records Home Page
Hits: 654
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest