Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Calexico 'Feast Of Wire'

(City Slang 2003)

Nuovo lavoro per il duo Convertino/Burns, ex sezione ritmica dei disciolti Giant Sand. Il progetto Calexico inizia nella seconda metà degli anni novanta, in maniera naturale, quasi per gioco, come affermano i due, scherzo che con il passare degli anni si è fatto sempre più serio; quattro dischi, ottime recensioni e un buonissimo riscontro commerciale (hanno fatto in pochi anni più soldi che nella lunga militanza con la band di Howe Gelb).
Nei Calexico ci sono le più svariate atmosfere, un “melting pot” dei loro gusti musicali e cinematografici; le colonne sonore dei film western di Ennio Morricone, la musica Mariachi del vicino Messico (siamo a Tucson – Arizona), l’amore per il Jazz e non ultimo l’influenza del loro amico Howe Gelb……, tutte componenti che unite insieme creano un mix originale e mai scontato. Da qualsiasi angolo si “guardi” la musica dei Calexico, c’è comunque un protagonista assoluto, il deserto dell’Arizona, quei paesaggi unici che hanno ispirato decine di musicisti, trovano nella band di Tucson la colonna sonora ideale. “Feast Of Wire” prosegue il discorso dei precedenti lavori, non contiene canzoni simbolo come The Ride Pt. II (“The Black Light”) o The Ballad Of Cable Hogue ("Hot Rail") ma vanta una maggiore omogeneità e un livello compositivo superiore.
Le danze si aprono con Sunken Waltz, un lento valzer dall’atmosfera da border, mentre la successiva Quattro (World Drifts In) è ancora lenta ma decisamente particolare, uno degli episodi migliori del disco; una ritmica accattivante su una melodia bellissima quanto discreta.
Le tracce sono sedici, un viaggio , una colonna sonora per “il nostro” film, dalla strumentale Close Behind perfetta per un western d’annata, alle eteree Black Heart e Woven Birds, l’inclassificabile Attack El Robot! Attack, la latina e gioiosa Guero Canelo, il Jazz di Crumble, la pianistica e classica (non in senso rock ma nell’originale accezione del termine) The Book And The Canal………….Vi basta??????????????? O continuo……………………………………..

Aggiunto: February 13th 2003
Recensore: Mauro Pettinari
Voto:
Link Correlati: Calexico home page
Hits: 1166
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest