Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Minimal Klezmer ‘Minimal Klezmer’

(Zeus Record 2013)

Il klezmer, si sa, è ibrido per natura, originando dalla fusione di strutture melodiche, ritmiche ed espressive provenienti dalle differenti aree geografiche e culturali (i Balcani, la Polonia e la Russia) con cui il popolo ebraico è nel tempo venuto in contatto. Con l’arrivo dei migranti ebrei negli Stati Uniti tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, il klezmer si è poi nutrito del contributo del jazz (di cui ha a sua volta influenzato lo sviluppo). Da allora molto è stato fatto per attualizzare questa tradizione musicale, aprendo la contaminazione di un repertorio di temi e ritmi ebraici ormai consolidato con generi più moderni come rock e funk – si pensi al percorso esemplare compiuto da David Krakauer, che ha spinto il klezmer addirittura verso l’hip hop. Difficile è allora – per un gruppo che comprensibilmente (dato il fascino imperituro di questa musica) voglia inserirsi in questo percorso – imbattersi in vie non ancora tracciate. In questa impresa sono riusciti i Minimal Klezmer (Francesco Socal al clarinetto, Bob Durante alla melodica, Martin Teshome al violoncello e Luca Piovesan alla fisarmonica), di cui ho recentemente ascoltato un bellissimo concerto al Festival Adriatico Mediterraneo di Ancona. Vi chiederete: come hanno fatto? Direi, in sintesi, accentuando quelli che sono altri due tratti tipici del klezmer: la fusione di improvvisazione e scrittura, e l’alternanza di felicità e sofferenza, divertimento e spiritualità. Attraverso infatti una sapiente tessitura di motivi e fraseggi tradizionali, in sé già altamente espressivi delle suddette emozioni, e il loro ri-montaggio ora in intricati incastri poliritmici, ora in scanzonati e irriverenti pastiche dalla spiccata teatralità di sapore Cageano (nel recupero di oggetti poveri, da loro riutilizzati in funzione di “giocattoli musicali”), i MK costruiscono complesse ed emotivamente altalenanti trame narrative, interne ai singoli brani ma percepibili anche tra i brani stessi, essendo questi disposti secondo una sorta di plot drammatico che ha il suo culmine, sdrammatizzante, nella canzone che chiude il cd-concerto. Da vedere, ascoltare, riascoltare, e vivere fino all’ultima nota.

Aggiunto: September 17th 2013
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Minimal Klezmer Home Page
Hits: 851
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest