Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Devics 'The Stars At Saint Andrea'

(Bella Union/Wide 2003)

Le stelle del titolo le potete anche cercare in questo posto chiamato Sant’ Andrea, dove loro dicono di essere stati. Più o meno questa dovrebbe essere la traduzione ma le indicazioni finiscono qui e sta a voi trovare questo posto.
Un consiglio spassionato è che dovete assolutamente farvi accompagnare nella ricerca dalle canzoni e visioni di questo stupendo e delicato album dei Devics. Un aiuto lo avete già fin dall’ inizio, intitolato Red Morning, dove la voce lacerante e delicatamente straziante di Sara Loy duetta con un sinth sistemato a moog (il richiamo è questo, se avete da contestare sulla competenza tecnica fatelo sotto).
Per continuare poi con arabeschi dolceamari del pezzo successivo intitolato Don’ t Take It Away, moog e batteria incentrati in un testa a testa con accompagnamento di anima. Se non vi basta ecco il cantautorato sbarazzino di In Your Room che mostra il lato più intimista e amichevole del gruppo, come se avessero invitato tutti i presenti a sedersi in cerchio sulla spiaggia e intonare il ritornello, duettando senza malizia con loro. E ancora si può scegliere My True Love, che richiama i Portishead senza travisarli ma rimanendo Devics fino in fondo. Oppure il soft-jazz di A Your Beautiul Trees disincantato come se si volesse dire di stare attenti a prendere le canzoni dagli sconosciuti.
Lo stesso dicasi di Safer Shore, cupo e oscuro quel tanto che basta a rimanere incastrato nella nicchia della nostra anima dedicata alla nostalgia, unica cura ascoltare e riascoltare. O la nenia infantile venata di tristezza di Connected By A String, con accompagnamento di carillon accordato leggermente sulle note del cuore. Ascolto consigliato, riascolto pure.

Aggiunto: February 11th 2003
Recensore: Marco Paolucci
Voto:
Link Correlati: Bella Union
Hits: 1144
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest