Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Confusional Quartet 'Confusional Quartet'

(Hell Yeah recordings / Goodfellas distribuzioni 2012)

Lunga è la storia dei Confusional Quartet, iniziata nel 1979 in quel di Bologna e fermatasi un paio di anni dopo, portata avanti dalla voglia dei nostri di spingere sul futurismo e la musica concettuale, attraverso una fluida proposta di jazz, no wave e rock.
I nostri oggi sono tornati e, nonostante non siano chiaramente più lo stesso complesso di allora, le idee sono le medesime, ma confrontarsi con una scena di rock sperimentale/strumentale ricca (Zeus!, i compianti ZU, The Great Saunites, ecc) come quella di adesso non è facile.
Questo nuovo lavoro, difatti, rientra in un discorso abbastanza convenzionale per quel che riguarda il rock strumentale, momenti come Futurfunk e Kursaal non riescono a colpire particolarmente per chi già bazzica le numerose realtà del genere. Meglio fa Cani alla Menta e la futuristicamente rumorosa Ritmo Speed. In altri momenti l'organo la fa da padrone su tutto, ricordando quasi una sorta di circus metal andato a male in salsa progressive (Sensosan).
Da un gruppo con alle spalle un'esperienza davvero unica nel genere come i Confusional Quartet, mi sarei aspettato qualcosa di unico e riconoscibile. L'esperienza si conferma fin troppo piacevole come ascolto, senza spingere i lati sperimentali in nessuna direzione particolare. In ogni caso, è palese che i bolognesi abbiano voglia di suonare e si stiano pure divertendo, quindi sì, sicuramente da consigliare per chi gradisce il suo rock strumentale con ampie dosi di cervello.

Aggiunto: July 19th 2013
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Hell Yeah Recordings Home Page
Hits: 590
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest