Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dalila Kayros 'Nuhk'

(Den 2013)

Rifulge di salvifica ostilità manifesta “Nuhk”.
Al contempo, rivendicazione d'appartenenza e gesto d'autodifesa.
Fra ruggine, salsedine e calore estremo, un tutt'uno corroso ma non domo.
Dalila Kayros non s'omologa in forma di ricercata tappezzeria etno.
Piuttosto spalanca le porte, al caos montante che tutto travolge.
Non lo respinge e lo accoglie.
L'orrore in divenire c'attende chiamata, scorto nel lampo di un riflesso.
Che tanto poi, il mare tutto spazza ed il sole, cuoce, sgretola e polverizza.
Un processo di saturazione/suturazione, in assenza d'anestetico.
Come la perturbante Hasher di “Spears Into Hooks”, raggelante e detritica.
Fisico disagio, come spesso non capita di provar.
Reinventandosi una lingua strappata, fatta di dialetto sardo, fonemi gutturali e sbatter di denti.
Grazia animale, che Antonio Zitarelli (Neo/Mombu), asseconda ed espande.
Aromi di uno ieri, per molti ancora l'oggi, screpolature digitali, intromissioni e perdita di memoria.
Non ricercavano stordimento estatico, i Prunes di “A New Form Of Beauty”, nel loro bucolico, infantile incubo, ad altrettanto cielo, sottintendevano i Neubauten di “Kollaps”.
“Nuhk” è sguardo fisso su masse umane in movimento/contrapposizione, i burattinai, lontani ed irraggiungibili.
L'anima a brandelli, di fronte a corpi in fase di scontro per un nulla.
Imperfetto nel suo asfissiante parossismo.
Dov'è finita la bellezza?
A chi serve ora?
L'isola da cui proviene Dalila, ogni giorno è trascinata più lontana.
L'orda colonizzatrice è ben visibile in lontananza (come in “Altai” di Skinshout e Xabier Iriondo), troveranno pietre e bastoni ad attenderli a riva.
Non sarà una passeggiata.
Maneggiare con cura amorevole.

Aggiunto: July 15th 2013
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: dEN Records Home Page
Hits: 736
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest