Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Massimo Berizzi 'Spirali'

(Diplodisc 2013)

Capta tremori e sudori di stelle lontane Massimo Berizzi.
Sguardo verso l’alto e piedi a terra, in un divagar notturno, rigoglioso e discreto (l’alba ad un passo).
Trevigiano, classe 1958, si è preso tutto il tempo a sua disposizione, per congegnar quest’esordio, tiepido e assolato.
Collaborazioni sparse, defilate, preziose e per pochi (Halo XVI, The Infant T(h)ree, Gigi Masin e Monodrone), sin quando, la partecipazione al Collettivo Unfolk (e lo spalleggiamento di Alessandro Monti), han sciolto ogni riserva.
“Spirali”, è opera leggera e aerodinamica, spesso tinta dei colori del mondo (nord, sud, est ed ovest, a conviver senza attrito).
Tromba, tastiere, chitarra, voce ed elettronica, il suo bagaglio strumentale, che si dispiega sfoggiando eleganti tinte metropolitane danzabili (Ascoltami), trasparenti, mutevoli ed accoglienti.
Intrise di quell’ipotesi ambient, persa fra minimalismo e spunti etnici, fatta e sognata (a grandi linee), da tutto ciò che gravita intorno l’orbita Laverna Netlabel (questo è un consiglio amorevole, scopritela…).
Struggenti opalescenze e soundtrack da viaggio immobili, fra jazz da camera e radici (Armstrong, Davis, Hassell ed Isham).
Aperta alla sperimentazione (gli spigoli rilucenti di corde in loop di Lighthouse Blues, i field recordings di I Was).
Pestar i piedi, mentre la festa impazza, rischiarata dalla luce dei fuochi, amore, polvere e sudore, i corpi, stretti l’un l’altro (Dans La Terre).
Struggente, tesa e chiaroscurale, quando s’accompagna al basso e percussioni del Monti (Spirali, la scossa perfetta di Multi-Folklore), libera, aperta e travolgente, quando s’invola lungo territori d’estasi devozionale, in compagnia della vocalist norvegese, Oddrun Eikli (Dune, sudore in cammino sotto un cielo implacabile, Norske Vidder, sgocciolio sublime, Moving Lightly In A Dream e My Time With You, a suscitar invidia alla coppia Wesseltoft / Endresen).
In alto, intermittente, un’ipotesi krauta chiamata “Hosianna Mantra”.
Massimo, la tua, è opera da incorniciare.

Aggiunto: June 23rd 2013
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Massimo Berizzi Facebook Page
Hits: 785
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest