Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Honeybird & the Birdies 'You should reproduce'

(Trovarobato 2012)

Difficile da catalogare perché ricco di stili e influenze, il secondo lavoro degli Honeybird & the Birdies 'You should reproduce', prodotto grazie a un finanziamento collettivo attraverso Kickstarter, è senz’altro di alto livello.
La band, composta da Monique Mizrahi, Paola Mirabella e Federico Camici, impegnati con una gamma molto ampia di strumenti, dai più esotici a quelli più tradizionali, si è avvalsa della produzione di Enrico Gabrielli (Calibro 35, Mariposa) e del mix di Tommaso Colliva.
World music, indie rock, ritmi tropicali, rap, folk, canzoni in tedesco e in dialetto catanese, solo per citare alcune delle suggestioni, si mescolano incredibilmente in un lavoro ricco ma omogeneo, sperimentale ma rassicurante.
Anche le tematiche toccate nel disco sono alquanto eterogenee: la teoria della Terra cava di Edmund Halley abbinata a una danza malese bandita dal governo islamico (To the Earth’s Core), i genocidi perpetrati verso i buddisti in Cambogia e gli armeni nell’Impero Ottomano (Perejil), oltre a escursioni newyorchesi (East Village) e romane (Where d’ya live yo?), californiane (Swimming Underwater) e africane (Canopy Dream), che si concludono con un viaggio mescalinico nella title track. Un caleidoscopio di suoni e sensazioni: in poche parole 'You should reproduce' è un ottimo disco.
Curiosità: il nome dell’album pare derivi da un invito espresso a Monique Mizrahi da parte della sua ginecologa al termine di una visita.

Aggiunto: June 21st 2013
Recensore: Luca Brecciaroli
Voto:
Link Correlati: Honeybird & the Birdies’s Home Page
Hits: 519
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest