Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Marvin ‘Barry’

(Africantape/Audioglobe 2013)

Riempiono ogni anfratto ed insterstizio possibile ed immaginabile i Marvin, con il loro sound pieno, circolare e frenetico. “Barry” è il terzo lavoro per il trio francese, il cui intento era quello di catturare l’energia live, dato che negli ultimi tempi sono stati molti impegnati a suonare in Europa e negli Usa.
L’obiettivo è stato sicuramente centrato, perché i nove brani sono tutti estremamente energetici, ma senza esagerare. Il ritmo è sempre pulsante, nell’incrocio tra sintetizzatori, tastiere, chitarre sferraglianti, tendenze prog castrate dal rientro nei ranghi di un math del terzo millennio.
Se ultimamente si parla di nuovi generi usando il suffisso post, per i Marvin si può parlare di una nuova forma di intendere il rock, il math, il noise, il prog ed il post-rock, fusi in un sound unico ed intrigante.
Non mi assumo la responsabilità di coniare un nuovo termine rock, se non che i Marvin hanno un loro stile ben delineato, che trova le sue fondamenta in elementi presi e magicamente rielaborati di Motorpsycho, Battles e Jesus Lizard. Strano connubio? È vero, ma risiede proprio in questi intrecci il fascino del sound dei Marvin, fatto di cavalcate spaziali (Un chien en hiver), elettro-rock abrasivo e post-math esplosivo (Tempo fighting), martellamenti e ritmiche sincopate e frenetiche (Giorgio Morricone) e di densi tappeti sonori che intrecciano chitarre e tastiere.
A tutto ciò aggiungete un elemento non secondario e che rende il disco più accattivante: è ballabile.

Aggiunto: June 4th 2013
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Marvin Facebook Page
Hits: 515
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest