Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bachi Da Pietra ‘Quintale’

(La Tempesta/Venus 2013)

Lirica pesantezza, movimento in avanti compatto e greve. I Bachi da Pietra con il loro quinto album in studio, notare il rimando della Q del titolo, si fortificano. Lo fanno per continuare ad essere se stessi, chiaramente se stessi. Sempre in due ma come se fossero un’orchestra, chitarra e batteria ma espanse fino a saturare il suono. E fortunatamente l’ascolto. Basta Haiti drastico blues con la chitarra di Succi che si incunea in ogni spazio disponibile; Brutti versi, sotto forma di canzone il canone metodologico per tutti quelli che vogliono provare a pensare di consumare inchiostro a sbafo, un monito a forma di mantra funk che chiunque avrebbe buon senso, prima di avventurarsi alla ricerca della sua musa, dovrebbe studiare a memoria, recitare e comprendere. Andando avanti, lentamente per permettere alla musica di penetrare nel nostro impianto uditivo, altro carico da 90 è Coleotteri, rock’n’roll devastato dalla consapevolezza del massimo sforzo per minimo risultato, loro ci provano a far capire, sta a chi ascolta cercare di interpretare. E ancora, l’elenco ha una sua funzione, ogni brano ci sta preciso nella collocazione che i nostri hanno scelto, ascoltare per credere Enigmauna cantilena che riequilibra il senso di essere un ascoltatore consapevole; come poi Fessura un blues che fa ripartire il movimento della mente che vola. E poi Mari lontani una triste ballata, Pensieri parole opere sincero rock’n’roll deviato e straziato, recrudescenza con Paolo il tarlo e Sangue in cui i nostri mostrano i muscoli ”metallizzando” in maniera eccellente la loro poetica. Il finale affidato a due splendide ballate Dio del suolo e Ma anche no ed un messaggio chiude la bella avventura musicale dei nostri anche per questa volta. Alla prossima, chi ascolta sa aspettare.

Aggiunto: March 31st 2013
Recensore: Marco Paolucci
Voto:
Link Correlati: La Tempesta Dischi Home Page
Hits: 606
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest