Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Mombu ‘Niger’

(Subsound Records 2013)

Ritornano i Mombu, dopo ‘Zombi’, ora ‘Niger’. Il che la dice lunga sulla loro strada, nei solchi dell’alfro grind che li vede capofila, oltre il metal che piace e nel jazzcore che ci sta letteralmente nel “cuore”. Formazione a due: Antonio Zittarelli dei Neo e Luca Tommaso Mai dei mai dimenticati, il cuore di cui sopra, Zu. Unione musicale perfetta, i due prendono di forza l’ascoltatore e lo trasportano in territori inesplorati e avventurosi.
Nello specifico: maglio industriale, sax che urla al mondo la sua determinazione e batteria che crea un ritmo simil swing ed ecco Niger, brano che apre l’album e fa partire il sabba catartico, stacco, finale con momento tribale quasi exotico nel suo narrare; 667 A Step ahead of the Devil accelerazione bruciante, stacco, momento “meditativo”, ripartenza con il motore a mille con i tasti e le bacchette che volano; Adya Houn’tofunk afrobeat e poi finale “scalmanato” free jazz sempre accompagnato da un drumming sottopelle; Mighty con il percussionista senegalese Mbar Ndiaye alla declamazione e alle percussioni, brano metal/afro/jazz/industrial; Carmen Patriots momento quasi ambient con ancora Mbar Ndiaye che racconta una storia e in lontananza suoni e tuoni oltre che visioni.
Quasi una pausa di riflessione, il brano Seketet prosegue nel ricreare ambientazioni dark angoscianti e lontane ma in un attimo diventa un martello pneumatico che trapassa i timpani dell’ascoltatore; infine The devourer of millions una danza ipnotica e magmatica, note che scolpiscono lo spazio intorno, all’improvviso il ritmo rallenta e diventa un una lenta e cupa elegia del rumore. Solo un consiglio appassionato… affrettarsi i ritardatari.

Aggiunto: March 29th 2013
Recensore: Marco Paolucci
Voto:
Link Correlati: Subsound Records Home Page
Hits: 644
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest