Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Fausto Rossi ‘Blank times’

(Interbeat 2012)

Con “Blank times” Fausto Rossi torna alle radici recuperando il blues urbano che negli ultimi tempi ha caratterizzato i suoi lavori, a parte la parentesi di due anni fa, “Blow the line”, una sorta di “Metal machine music”. È proprio a Lou Reed, che questo disco sembra ispirato, per il modo di utilizzare un blues urbano esistenzialista e scarno, denso e pieno di vitalità, ma anche in grado di guardare il mondo con una lucidità ed una saggezza, che se ne frega di essere rassicurante e accondiscendente.
Incapace di fare compromessi, come d’altronde è sempre stato, Fausto Rossi con questo disco parla molto del suo mondo, con ballate blues che quando sono elettroacustiche ricordano alcune cose di Neil Young, mentre quando la chitarra elettrica è penetrante ed autonoma ricorda il miglior Lou Reed della seconda metà degli anni ’90, ma anche quello di “The blue mask”.
Il disco contiene dieci brani cantati sia in italiano che in inglese, tra i quali vanno rilevati: Il vostro mondo e Down down down. Il primo è un manifesto nel quale il nostro dichiara la distanza che vive con chi crede in qualche forma di aldilà, senza slogan ed eccessi di ateismo, ma con la modestia di un distacco saggio. Il secondo è dotato di una struggente bellezza, poetico essenziale ed efficace con poche parole. Riascoltando questo brano più volte si fanno strani pensieri, come quello che riguarda ciò che manca a Mark Lanegan per trovare la quadratura del cerchio ai suoi disperati e penetranti blues.

Aggiunto: February 9th 2013
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Fausto Rossi Home Page
Hits: 531
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest