Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Herbert Deutsh 'From Moog to Mac'

(Ravello Records 2012)

Herbert Deutsh è un eclettico personaggio, famoso anzitutto per aver collaborato fianco a fianco con Robert Moog, l’inventore dell’omonimo sintetizzatore. La selezione propostaci dalla Ravello inizia proprio dai brani frutto della collaborazione tra i due a metà degli anni Sessanta, che suonano per la verità come se fossero usciti dalla plancia di comando di un astronave smanettata a casaccio da conducenti impazziti. Più felici gli esiti degli altri brani, dove i suoni del synth fanno da sottofondo straniante a materiali musicali altrimenti familiari. Si passa così da fraseggi blues e canti gospel, affidati al sassofono in improvvisazioni guidate di rileyiana memoria – notevole soprattutto la fantasia su un popolare spiritual della tradizione afro-americana, dove l’equilibrio tra le parti quasi-improvvisative e melodicamente fluenti del sax e gli interventi del synth a drammatizzare la trama è quanto mai riuscito –, a due canzoni scritte negli anni Novanta per il teatro, l’una molto accattivante e vicina a certa new wave anni Ottanta (con un tocco d’esotismo, ottenuto con ammalianti percussioni), l’altra decisamente più sperimentale, alla maniera di un Charles Ives, nel gioco di domanda (accorata) e risposta (sfuggente) intessuto da voce e flauto. Si conclude con due brevi e dolci canzoni senza parole per pianoforte e theremin, il cui melodioso, sensuale e cullante lirismo (che il theremin rende anche, in qualche modo, lunare) testimonia della ancor viva e versatile fantasia creativa di questo interessante autore.

Aggiunto: January 19th 2013
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Ravello Records Home Page
Hits: 402
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest