Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Walter Ross ‘Woodwind Concerti’

(Ravello Records 2012)

Davvero una bella scoperta, la musica di questo compositore americano classe 1936, tale Walter Ross; un grazie alla Ravello per averla resa possibile. Quattro concerti per strumento a fiato solista (flauto, oboe, o fagotto), talora affiancato da chitarra o arpa, e orchestra, completa o solo per archi, in tre o quattro canonici movimenti, ciascuno dai caratteri ben definiti. Nulla è studiato per stupire, tutto è volto a comunicare direttamente con l’ascoltatore, che non può che trarre piacere dalla immediata ma non banale fruibilità di queste composizioni dal profilo armonico marcatamente neomodale e pandiatonico, il che dona loro una certa qualità transculturale e atemporale. Ogni movimento, come detto, possiede un carattere distinto e un contorno ben definito; così, i movimenti veloci presentano una vivacità ritmica contagiosa e senza posa, laddove i movimenti lenti hanno sovente carattere pastorale e cantabile. La dolcezza nel trattamento degli strumenti solisti, di cui Ross è profondo conoscitore, si abbina alla ricchezza nell’orchestrazione. Ma ciò che colpisce a mio avviso più di ogni altro elemento è il senso di fluire organico della musica, che pure non disdegna passaggi contrappuntisticamente densi e intricati, che soddisfano anche l’esigenza di un ascolto ripetuto. Perfetto contraltare pittorico di questi concerti è la copertina del cd, un paesaggio dipinto dalla madre del compositore con la tecnica dell’acquerello; ampie pennellate che si alternano a rapidi schizzi, definendo distese di terre e strati di nuvole armonicamente giustapposti, all’interno di un impianto cromatico giocato su poche tonalità, quelle dell’ocra, del grigio e del marrone. Scenari visivi e sonori in cui ci si sente felicemente a proprio agio.

Aggiunto: January 19th 2013
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Ravello Records Home Page
Hits: 610
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest