Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Folklezmer ‘Puppet Theatre Show’

(Ultra Sound Records 2011)

Il klezmer, la musica di tradizione ebraica, è ormai divenuto, nella mani di artisti visionari come Frank London e David Krakauer, uno dei generi più aperti, trasversali, votati alla sperimentazione. Talvolta lo spirito di questa musica – quel suo inconfondibile miscuglio di ironia e malinconia, esuberanza e sofferenza; quel suo alternare raffinatezza e brutalità – emerge anche nei contesti apparentemente più lontani, dove la contaminazione con il jazz, il funk, il rap e quant’altro sembrerebbe oscurarlo. Su questa linea si muove l’ensemble capitanato da Alberto Greguoldo ai sassofoni, e che comprende contrabbasso (Antonio Bertoni), percussioni (Carlo Garofoli) e altri strumenti (in particolare, la fisarmonica di Koby Israelite) che si affiancano alla line-up del trio. Motivi tipici, ormai stra-sentiti, della tradizione klezmer, vengono rivisitati con fantasia, accanto a temi di invenzione dello stesso Greguoldo; anche questi, sottoposti a frammentazioni, scomposizioni che denotano una preparazione compositiva non trascurabile. Ma soprattutto, i brani risentono molto e delle ondate di improvvisazione jazzistica, e dell’apporto di motivi, ritmi e colori di tradizioni musicali a vario titolo mediterranee. Da tale maremoto, la vena klezmer riemerge ancora una volta, in vesti cangianti, ma intatta nella sua essenza: sempre nuova e sempre, insieme, meravigliosamente uguale a sé stessa.

Aggiunto: August 20th 2012
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Ultrasound Records Home Page
Hits: 661
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest