Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Aldrin ‘Bene’

(Autoprodotto 2011)

Terzo lavoro per i romani Aldrin, ormai rodati con il loro post rock denso, largo e strumentale.
Il gruppo capitolino per “Bene” ha scelto di esprimersi con quattro brani della durata tra gli oltre i sei minuti e i nove minuti e dieci secondi. Ci troviamo dunque in presenza di tracce strumentali con molti elementi al loro interno, grazie ai quali le tracce sono sempre ricche di novità, suscitando la curiosità dell’ascoltatore, ansioso di scoprire le prossime mosse del gruppo.
Il disco parte con Der oldrin, un post rock espanso e densamente chitarroso, a seguire Vaskij Rosso, alquanto schizofrenico dato l’approccio jazzato e rilassato alternato a momenti più rock e complessi.
Il terzo brano Molto bene vira in buona parte verso il prog, ma a metà si infiamma e prende forma un rock ben strutturato. La drogue, il brano finale, contiene qualche elemento di elettronica ed è strutturato attorno ad un funk-disco, con il finale a sorpresa, grazie ad una coralità coinvolgente
. Bene ragazzi, continuate con questa umiltà.

Aggiunto: July 16th 2012
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Aldrin My Space Page
Hits: 782
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest