Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Enzo Carpentieri Circular E-motion 'Everywhere Is Here'

(Zerozerojazz 2011)

Un continuo rimestar braci, “Everywhere Is Here”.
Atto unico improvvisativo, libero da ogni zavorra concettuale.
Che bella giornata, deve esser stata, quella delle registrazioni.
Tempo speso, ad inseguir orizzonti in movimento.
Alcuni conosciuti, altri, nettamente più bizzarri ed imprevedibili.
I Circular E-motion, assemblati per l'occasione, dall'esperto batterista Enzo Carpentieri, son formazione ad azione elastica immediata.
Due contrabbassi (Danilo Gallo e Stefano Senni), una chitarra, birichina al punto giusto (l'ottimo Enrico Terragnoli), la propulsione di Carpentieri, ed un'ospite speciale, l'osannato chicagoano Rob Mazurek e la sua cornetta.
Di contorno (ma spesso rubano la scena...), altri strumenti e strumentini, ad intaccar il corpo e le certezze.
Prendono per la gola, con la maestosa apertura di Everything Sara, dove le inflessioni Davis, vengono piegate dallo sferragliare perimetrale (senza perder mai di vista il tema principale).
Ma sarebbe troppo semplice, proseguir di questo passo.
Son dentini aguzzi, quelli che rosicchiano e macinano.
Azioni veloci, che non amano troppo, l'esposizione alla luce diretta.
Ma quando lo fanno, son scintille vere (ed anche, debitamente originali).
Il pantano lisergico, serenamente allucinato di Zen Zero, l'intromissione d'armonica in Beauty Fool (e di nuovo, bravo Terragnoli), Bali Belly, che parte appunto da Bali, per poi illuminarsi di rifrazioni di banjo (una meraviglia di cinque, afosi minuti...), Wabi Sabi, andazzo cameristico ed intromissioni elettroacustiche (per approccio, una costante di quest'ottimo lavoro...).
L'accartocciarsi cupo di Space Invaders (bassosità, giocattolerie ed una ritmica costantemente trattenuta), il bel duetto fra Carpentieri e Mazurek, Plexus.
C'mon, ed il suo rimbalzar insistito contro un muro, la conclusiva Transitory Percepition, traiettorie che gradualmente si perdono nel buio.
C'auguriamo vivamente, che non resti atto unico.
Anche senza Mazurek, gira tutto alla perfezione.
Da pensarci.
Sorpresa!

Aggiunto: June 16th 2012
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Zerozero Jazz Records Home Page
Hits: 550
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest