Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Giovanni Peli ‘Tutto ciò che si poteva cantare’

(Kandinsky Records 2012)

Giovanni Peli è bresciano come Jet Set Roger e come lui incide per la Kandinsky Records: ecco perché risulta scontato evidenziare le somiglianze tra i due – cantautori atipici vocalmente malinconici (cfr. Tutto quello che fai) – mentre è interessante evidenziare la dignità delle canzoni d’amore del nostro. Senz’altro dall’impostazione più “tradizionale” rispetto al succitato Jet Set (non a caso ha partecipato con discreto successo alla nostrana Musicultura, qualche anno fa), Peli canta i sentimenti come un “dandy” distaccato (cfr. Il nome che vuoi), efficace nel suo “pop-rock” (Tu amore perduto).

Aggiunto: June 16th 2012
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Picicca Studio Home Page
Hits: 674
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest