Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Mark Stewart ‘The politics of envy’

(Future Noise/Self 2012)

Mark Stewart l’innovatore, il genio, il rivoluzionario. In queste tre definizioni è racchiuso anche il senso di questo suo ultimo lavoro. L’ex leader del Pop Group è come tutti i veri artisti, che proprio nelle fasi di crisi sociale, producono le loro cose migliori. “The polis of envy” è sicuramente uno dei dischi più belli incisi da Stewart.
Aiutato da molti amici e artisti del rock inglese Stewart ha riempito questo disco di tantissimi elementi, soprattutto elettronici, rendendo i brani sempre spezzettati, mai coerenti, se non nei messaggi socio-politici.
Il lavoro parte con Vanity kills (con Richard Hell al theremin), un pop elettronico straniante ed aggressivo, nel quale sono presenti anche elementi di new wave. La successiva Autonomia, dedicata a Carlo Giuliani e con Bobby Gillespie ha una ritmica noise circolare e frizzante, seppure alla lunga risulta ipnotica, a seguire il dub di Gang war, con Lee Scratch Perry, un bellissimo omaggio all’Intifada palestinese.
Codex, introdotta da un synth-ambient è intrisa di elettronica incostante e futuribile, mentre Want è molto più aggressiva ed è un hip hop denso di noises elettronici. La techno domina nella pompata Gustav says, come anche in Baby bourgeois, anche se è più saltellante ed eclettica. La convulsa Method to the madness ci porta agli orrendi anni ’80 sintetici ed effimeri, ma per fortuna la qualità viene recuperata con la rarefatta e tesa Apocalypse hotel con Daddy G dei Massive Attack.
Nel finale c’è spazio per una cover di David Bowie, una Letter to Herminone, rarefatta e stentata, e per il claustrofobico post punk di Stereotype con ospite Keith Levene (chitarra di P.I.L e Clash).
Un disco straniante, con il quale Mark Stewart si è divertito a mischiare tanto e creare più confusione. D’altronde in questa fase storica ce n’è poca!!!

Aggiunto: May 12th 2012
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Future Noise Music Home page
Hits: 573
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest