Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Alfabox ‘From the padella into the brace’

(Autoproduzione 2010)

‘From the padella into the brace’ è il secondo album, dopo ‘Metropolitan Meeting’ del 2007 per gli Alfabox ovvero Francesco Talotti (voce), Gianluca Liva (basso/voce), Gianluca Qualizza (tastiere), Gianluca Albicocco (chitarra/voce), e Rocco Repezza (batteria). Un disco dove questi bravissimi musicisti di Udine ribadiscono la loro formula precedente: la contaminazione sonora. Anche in queste nove canzoni, infatti, riescono a spaziare dal tipico sound eighties tutto elettronico, alla new wave dai bei bassi profondi fino al pop più “facile” dove l’ascoltatore prima batte il piede, poi le mani e infine si arrende, si alza e balla.

Al primo ascolto è evidente il messaggio spensierato e leggero (ad esempio Tobia, il cane più grosso che ci sia, le cui sonorità ci riportano in testa la canzone “The People” dei The Music), ma ri-ascoltando il disco con maggior attenzione ci si stupirà di quanto malinconici e cupi, seppur sempre ben ritmati, siano alcuni brani (una su tutte la bellissima Le sue vacanze :‘ ho bisogno di stare un po’ da solo, non ce l’ho con te no con nessuno, ho solo bisogno di cercarmi un pò / ho bisogno del cielo attraverso i pensieri vaghi, miei miei’). Il disco si chiude con il basso bello funky di Union che ci rispedisce dritti dritti negli anni ’80 (‘io mi diverto a passeggiare per il centro con la Union nella mano’).

La voce di Francesco Talotti (che oseremmo coraggiosamente paragonare a quella del grande Lucio Battisti) è un po’ smorzata dalla musica, così nitida e potente, ma, a parte questo, gli Alfabox sono davvero una bella realtà e speriamo escano presto da quel sottobosco “alternative” e possano farsi conoscere per la loro musica di qualità.

Tracklist:
01. Tobia, il cane più grosso che ci sia
02. Alitalia
03. Alfa 33
04. Testosterone Meeting
05. Tanzsaal Magnetique (Feat. Paderno)
06. Natale (la guerra è finita)
07. 4.48 A.M.
08. Le sue vacanze
09. Union

Aggiunto: April 26th 2012
Recensore: Marta Menghini
Voto:
Link Correlati: Alfabox Home Page
Hits: 751
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest