Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Barnumfreakshow 'Circuiti|Carne|Metallo'

(Autoprodotto 2011)

Arrivano da Roma questi Barnumfreakshow, progetto nato come one man band di Stefano Tucci e poi successivamente evolutosi verso una band vera e propria, con tanto di doppia voce maschile e femminile.
Ascoltiamo con piacere il loro album, arrivatoci in un gradevolissimo digipak, che realizza un'unione interessante tra industrial metal e rock italiano, a tratti sembrando quasi più una proposta rock tout court immersa in una veste elettronica e cattivella. A tal proposito potrei citare l'esemplare Fuori Produzione, un bel momento che realizza un'unione giusta tra riff industriali e melodia, risultando orecchiabile e picchiando al punto giusto.
Meno convinto sono rimasto da Anguis Lapsus Volvitur, dalla notevole durata di quattro eterni e interminabili minuti, evidente segno di eccessiva ripetitività. Lo schema seguito dal pezzo è di elettronica nelle strofe e poi ritornello più aggressivo, invece Diva punta più sulla melodia, ma anche qui lasciandomi dubbioso sull'effettiva buona riuscita del misto operato dai nostri. La voce della Emma, poi, nella seconda strofa è alquanto fuori posto, così come in Gravità Zero, dove troviamo la protagonista che vorrebbe ad ogni costo "interfacciarsi con te": un brano chiaramente melodico, che punta all'orecchiabilità pura, rinunciando a ogni sperimentazione, risultando fin troppo derivativo.
Terror Manifesto Atto II, che mi sembra provi più di un sentiero musicale nel tentativo di stupire, con tanto di cantato a mitragliatrice e addirittura growl, risulta intrigante come esperimento ma troppo adirezionale.
Insomma, mi pare che i numeri per stupire ci siano, ma spesso utilizzati con poca sapienza. Nota positivissima invece per la produzione, estremamente curata, sia come scelta di suoni che come missaggio, elemento che in una proposta del genere ha decisamente importanza.
Che 'Circuiti|Carne|Metallo' possa risultare intrigante, direi che non v'è dubbio, ma mi sembra peccare ancora di una mancanza di maturità nei rispettivi pezzi e di troppi idee esposte incapaci di trovare efficace realizzazione. In ogni caso, avremo modo di sentirli ancora.

Aggiunto: April 26th 2012
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Barnum Freak Show Home Page
Hits: 812
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest