Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Matteo Uggeri / Luca Mauri / Francesco Giannico 'Pagetos'

(Boring Machines 2012)

Un leggero sgocciolio, immerso nel silenzio.
L'erba ghiacciata, si flette crepitando, ad ogni passo.
Rabbrividire, naso all'insù.
Il bianco assoluto, a sterilizzar il paesaggio circostante.
Tutto, rallenta.
“Pagetos” (gelo mattutino), conclude la quadrilogia fra gli elementi, ideata nel 2007, come collaborazione fra Sparkle In The Grey e Maurizio Bianchi.
“Nefelodhis” (nuvoloso), il primo passo.
Seguono, “Erimos” (deserto), concepito fra Hue (Matteo Uggeri in veste isolazionista), Fhievel e MB.
Il terzo lavoro, “Kapnos” (fumo), riuniva sotto la sigla Meerkat (alcuni) fra i migliori interpreti italiani, d'ambito field recordings, microsound ed elettroacustica (Punck, Logoplasm, Matteo Uggeri, Andrea Ferraris, Luca Sigurtà, Fabio Selvafiorita, Aal, Fhievel, Andrea Marutti).
Ora, questo capitolo conclusivo, vede costante la presenza di Matteo Uggeri (tromba, batteria e registrazioni d'ambiente), cui si accostano, Francesco Giannico (piano) e Luca Mauri (chitarra, un passato in I/O, un presente in Luminance Ratio).
“Pagetos”, procede per brumosi passaggi, rischiarati ad intermittenza da una luce troppo debole.
Sei composizioni, intrise di dolente gentilezza acustica.
Un progressivo, organico rallentamento, poi, l'attesa (con il vento a bisbigliar nelle orecchie).
Minimalismo, suggestioni classicheggianti, filamenti post blues, brividi folk, cangianti textures ambientali ed opalescenti suggestioni davisiane.
Questione di tempo, luce e calore in arrivo.
Splendore soffuso ed ovattato.
Perdercisi, è amorevole consiglio.

Aggiunto: April 12th 2012
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Boring Machines Home Page
Hits: 744
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest